Bando-tipo servizi pulizia immobili: osservazioni entro il 15 ottobre

Postato da Redazione il 9 Settembre 2013

Scade il prossimo 15 ottobre il termine per inviare osservazioni all’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici (AVCP) in relazione al bando-tipo elaborato per l’affidamento di servizi di pulizia e igiene ambientale degli immobili.

Nello specifico, l’Autorità ha predisposto uno schema di disciplinare di gara per appalti di importo superiore alla soglia comunitaria nei settori ordinari, affidati mediante la procedura di gara aperta, secondo il criterio di aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa, ritenuto più indicato per l’affidamento dei servizi di pulizia.

Il modello di disciplinare è strutturato in due parti:

  1. parti obbligatorie, che devono sempre essere inserite dalle stazioni appaltanti nei propri documenti di gara (ad esempio quelle relative alle cause tassative di esclusione di cui alla determinazione n. 4/2012); e
  2. parti facoltative, che invece offrono alle stazioni appaltanti le diverse opzioni ammesse dalla normativa vigente (ad esempio quelle di prevedere l’obbligo del sopralluogo, di inserire requisiti di partecipazione legati al fatturato, di utilizzare, per la valutazione degli elementi qualitativi dell’offerta, il metodo del confronto a coppie o uno degli altri metodi indicati nell’allegato P al Regolamento, ecc.).

E’ bene evidenziare che il modello-tipo predisposto dall’AVCP contiene in realtà una serie di parti che possono ritenersi applicabili a tutti gli appalti di servizi e forniture, come quelle riferite a:

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

Commissione giudicatrice: esperti nel settore d’appalto

Postato da Redazione il 23 Novembre 2015 in Pillole di giurisprudenza

Nelle gare da aggiudicarsi con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, è indispensabile che i membri della Commissione giudicatrice abbiano esperienza nell’area complessiva di attività in cui ricade l’oggetto (...)

Errore offerta economica: prevale quella in lettere

Postato da Redazione il 4 Gennaio 2016 in Pillole di giurisprudenza

Se in una gara d’appalto un concorrente sbaglia l’indicazione dell’offerta economica e genera una difformità tra l’offerta indicata in lettere e l’offerta indicata in cifre, prevale sempre l’offerta indicata in lettere, anche se (...)