Bandi-tipo lavori sopra 150.000 euro: osservazioni entro il 20 settembre

Postato da Redazione il 9 Settembre 2013

Scade il prossimo 20 settembre il termine per Stazioni appaltanti e imprese per trasmettere eventuali osservazioni all’Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici (AVCP) sui bandi-tipo per l’affidamento di lavori pubblici di importo superiore a 150.000 euro nei settori ordinari.

L’Autorità ha infatti elaborato, in relazione a ciascuna procedura di gara (aperta, ristretta e negoziata) ed in base al criterio di aggiudicazione (prezzo più basso oppure offerta economicamente più vantaggiosa) diversi schemi di bando, disciplinare e lettere di invito, sulla base dei quali le stazioni appaltanti sono tenute a predisporre la propria documentazione di gara.

I modelli dei bandi-tipo sono strutturati in due parti:

  • parti obbligatorie, che le stazioni appaltanti sono sempre tenute ad inserire nella documentazione di gara (ad esempio, quelle relative alle cause tassative di esclusione di cui alla determinazione n.4/2012); e
  • parti facoltative, che offrono alle stazioni appaltanti le diverse opzioni ammesse dalla normativa vigente (ad esempio, l’offerta a prezzi unitari oppure al massimo ribasso) e che devono essere adattati in relazione alle specificità di ogni singolo appalto.

L’AVCP ha inoltre pubblicato un’ampia nota illustrativa sui diversi modelli di bandi-tipo, che contiene un’accurata ed esaustiva disamina dell’intero sistema di qualificazione delle imprese di lavori pubblici secondo il nuovo Regolamento appalti (D.p.r. n. 207/2010), con particolare riferimento a:

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

Subappalto necessario: superfluo il nome del subappaltatore

Postato da Redazione il 4 Dicembre 2015 in Pillole di giurisprudenza

Negli appalti di lavori pubblici non è obbligatoria l’indicazione nominativa del subappaltatore anche nelle ipotesi di “subappalto necessario”, ovvero nei casi in cui l’appaltatore, ai fini della partecipazione alla gara, non sia (...)

Chi deve rendere la comunicazione antimafia in caso di subappalto?

Postato da Avv. Barbara Braggio il 22 Marzo 2013 in Quesiti & Risposte

Quesito Per contratti di subappalto inferiori a 150.000 euro dobbiamo produrre la certificazione antimafia? In caso positivo, quali soggetti della società (spa) devono rendere l’autocertificazione? Risposta Per contratti di (...)