AVCPASS: regime obbligatorio rinviato al 1° gennaio 2014

Postato da Redazione il 13 Giugno 2013

Con un Comunicato del 12 giugno 2013, l’Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici (AVCP) ha rinviato al 1° gennaio 2014 il passaggio al regime obbligatorio del nuovo sistema AVCPASS per le pubbliche gare d’appalto d’importo pari o superiore a 40.000 euro esperite in modalità non telematica.

Il regime transitorio previsto dalla Deliberazione n. 111/2012 (che doveva concludersi il 30 giugno 2013) è stato prorogato per consentire alle Stazioni Appaltanti di adeguarsi gradualmente alle nuove modalità di verifica dei requisiti di partecipazione delle imprese attraverso l’accesso on line alla Banca dati nazionale dei contratti pubblici (BDNCP) istituita presso l’AVCP.

L’AVCP ha quindi deliberato la modifica dei termini di decorrenza dell’obbligo di verifica dei requisiti attraverso il sistema AVCPASS, stabilendo in particolare che:

  • per tutti gli appalti nei settori ordinari d’importo a base d’asta pari o superiore a € 40.000 esperiti in modalità non telematica, fino al 31 dicembre 2013 le stazioni appaltanti possono continuare a verificare il possesso dei requisiti delle imprese secondo le modalità tradizionali ;
  • per gli appalti di importo a base d’asta pari o superiore a € 40.000 svolti con modalità interamente telematiche (anche nei settori speciali), l’obbligo di procedere alla verifica dei requisiti attraverso il sistema AVCPASS sarà regolamentato attraverso una successiva deliberazione dell’Autorità.

Inoltre, per rispondere alle numerose richieste di formazione e assistenza sull’utilizzo del sistema AVCPASS, l’Autorità ha annunciato il prosieguo dell’erogazione di moduli formativi fino al 31 dicembre 2013, secondo le modalità riportate nel sito.

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

E’ possibile l’avvalimento della certificazione di qualità?

Postato da Avv. Barbara Braggio il 26 Novembre 2012 in Quesiti & Risposte

Quesito Vorremmo partecipare ad una gara d’appalto avvalendoci del certificato di qualità ISO di un’altra impresa. Il bando non indica nulla al riguardo. Rischiamo in qualche modo l’esclusione dalla gara? Risposta No. Se il (...)

Irregolarità dichiarazioni, sanzione pecuniaria e cauzione: i chiarimenti Anac

Postato da Avv. Barbara Braggio il 20 Febbraio 2015 in Leggi e Prassi

Con la Determinazione n. 1 dell’ 8 gennaio 2015 l’ANAC ha fornito importanti chiarimenti sull’applicazione delle nuove sanzioni introdotte dall’art. 39 del Decreto legge “Semplificazioni” (D.L. n. 90/2014), applicabili in caso di (...)