Chiarimenti: l’ente è obbligato a rispondere alle richieste dei concorrenti?

Postato da il 24 Ottobre 2012
{{Quesito}} L'ente appaltante è obbligato, prima della data di presentazione delle offerte, a rispondere a tutte le richieste di chiarimenti arrivate nei tempi stabiliti o puo’ evitare di rispondere in qualche caso? {{Risposta}} La stazione appaltante è tenuta a rispondere alle richieste di chiarimenti pervenute dai concorrenti in tempo utile, almeno 6 giorni prima del termine di presentazione delle offerte (4 giorni nei casi di procedure urgenti). Le risposte ai chiarimenti possono anche avvenire mediante pubblicazione sul sito della stazione appaltante. Se la stazione appaltante non risponde in alcun modo, il concorrente ha diritto a chiedere un'adeguata proroga del termine di presentazione delle offerte, proroga che la stazione appaltante è tenuta a riconoscere ai sensi di quanto previsto dall'art. 70 comma 10 del Codice appalti.

© Riproduzione riservata