Anagrafe Unica Stazioni Appaltanti: iscrizioni entro il 10 luglio

Postato da Redazione il 28 Maggio 2013
E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il {{Comunicato dell'Autorità di vigilanza sui contratti pubblici (AVCP) del 16 maggio 2013}}, che individua il termine per le iscrizioni all'Anagrafe Unica delle Stazioni Appaltanti e gli altri adempimenti previsti dall'art. 33-ter del Decreto Sviluppo bis (D.L. n. 179/2012 conv. in L. n. 221/2012). {{{Anagrafe Unica Stazioni Appaltanti}}} L'art. 33-ter del decreto sviluppo bis ha istituito presso l'AVCP, nell’ambito della Banca Dati Nazionale dei Contratti Pubblici (BDNCP), l'Anagrafe Unica delle Stazioni Appaltanti, a cui {{tutte le stazioni appaltanti di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture hanno l'obbligo di iscriversi}}. {{{Obbligo di iscrizione entro il 10 luglio 2013}}} Le stazioni appaltanti già registrate presso la Banca dati nazionale dei contratti pubblici, devono acquisire sul sito dell'AVCP, a partire dal 10 luglio 2013, l'{{Attestato di iscrizione all'Anagrafe Unica}}. Questo attestato avrà validità per tutto il 2013 e sarà rilasciato ai soggetti richiedenti per il tramite dei propri utenti già titolari di credenziali per l'accesso ai servizi sul portale dell'Autorità. {{{Comunicazione del responsabile del procedimento entro il 31 dicembre 2013}}} A partire dal 1° settembre 2013 ed entro il 31 dicembre 2013, le stazioni appaltanti dovranno comunicare il nominativo del responsabile del procedimento ai sensi della Legge n. 241/1990, il quale provvederà alla verifica iniziale o alla compilazione ed al successivo aggiornamento dei dati anagrafici. {{{Obbligo di aggiornamento annuale}}} Il responsabile del procedimento è tenuto ad aggiornare, entro il 31 dicembre di ogni anno, i dati e le informazioni necessarie da inserire nell'Anagrafe Unica. Con una successiva nota, l'Autorità stabilirà le modalità di trasmissione e la tipologia delle informazioni da fornire. {{{Nullità degli atti di gara in caso di inadempimento}}} Dall'obbligo di iscrizione ed aggiornamento dei dati derivano, in caso di inadempimento, la nullità degli atti adottati e la responsabilità amministrativa e contabile dei funzionari responsabili.

© Riproduzione riservata