Entro il 2014 almeno il 50% di "Appalti verdi"

Postato da Redazione il 21 Maggio 2013
Il Decreto del Ministro dell'Ambiente del 10 aprile 2013, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 102 del 3 maggio 2013, ha posto l'obiettivo di raggiungere, {{entro il 2014, il 50% di "[acquisti verdi->http://www.studiolegalebraggio.it/+-Acquisti-verdi-GPP-+]"}} rispetto al numero ed al valore totale degli appalti pubblici banditi per le seguenti categorie merceologiche: -# arredi, -# edilizia, -# gestione rifiuti, -# gestione del verde pubblico e arredo urbano, -# servizi energetici, -# elettronica, -# prodotti tessili e calzature, -# cancelleria, ristorazione, -# servizi di gestione degli edifici, -# trasporti. Il nuovo decreto aggiorna il [Piano d'azione per la sostenibilità dei consumi della Pubblica Amministrazione contenuto nel precedente decreto dell'11 aprile 2008 (PAN GPP)->http://www.studiolegalebraggio.it/+-Acquisti-verdi-GPP-+], che aveva introdotto i c.d. {{Criteri Ambientali Minimi (CAM)}}, ovvero i criteri che le Amministrazioni devono seguire affinchè determinate procedure di gara siano considerate “verdi”. La revisione del PAN GPP si è resa necessaria anche in considerazione della "Proposta di direttiva sugli appalti pubblici" del 20 dicembre 2011, in cui la Commissione europea ha previsto la {{sostituzione del criterio di aggiudicazione al "prezzo più basso" con quello del "costo più basso"}}, che offre la possibilita' di valutare le offerte considerando, oltre al prezzo di acquisto, i costi connessi al ciclo di vita dell'oggetto dell'appalto. Tra le principali {{novità del decreto}} si segnala: -* l'obbligo di Consip e delle centrali di committenza regionali di inserire i CAM nelle gare d’appalto, se ed in quanto tecnicamente possibile; -* l'invito alle Regioni a prevedere gli appalti verdi nella normativa regionale e settoriale, anche attraverso l'elaborazione di un Piano regionale per l’applicazione del PAN GPP; -* la previsione di CAM in altre categorie merceologiche, come le attrezzature elettromedicali e i prodotti sanitari.

© Riproduzione riservata