Chi deve rendere la comunicazione antimafia in caso di subappalto?

Postato da il 22 Marzo 2013
{{{Quesito}}} Per contratti di subappalto inferiori a 150.000 euro dobbiamo produrre la certificazione antimafia? In caso positivo, quali soggetti della società (spa) devono rendere l'autocertificazione? {{{Risposta}}} Per contratti di subappalto di importo pari o inferiore a 150.000 euro non va richiesta l'informativa antimafia. Ciò è espressamente previsto dall'art. 91 del {{Dlgs. 159/2011 (Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione)}}, secondo cui le stazioni appaltanti devono acquisire l'informativa antimafia prima di stipulare, approvare o autorizzare i contratti e subcontratti il cui valore sia: -* pari o superiore a quello determinato dalla legge in attuazione delle direttive comunitarie in materia di appalti di lavori pubblici, servizi pubblici e pubbliche forniture; -* superiore a 150.000 euro per le concessioni di acque pubbliche o di beni demaniali per lo svolgimento di attività imprenditoriali, ovvero per la concessione di contributi, finanziamenti e agevolazioni su mutuo o altre erogazioni dello stesso tipo per lo svolgimento di attività imprenditoriali; -* {{superiore a 150.000 euro per l'autorizzazione di subcontratti}}, cessioni, cottimi, concernenti la realizzazione di opere o lavori pubblici o la prestazione di servizi o forniture pubbliche. Ai sensi del'art. 85 del medesimo D.lgs. 159/2011, nel caso di contratti di subappalto d'importo superiore a 150.000 euro stipulati da {{società di capitali}}, {{sono obbligati a rendere l'autocertificazione antimafia i seguenti soggetti}}: -# i direttori tecnici della società; -# il legale rappresentante e tutti i componenti del Consiglio d'Amministrazione; -# il socio unico o il socio di maggioranza in caso di società con fino a 4 soci; -# i membri del collegio sindacale; -# i soggetti dell'organismo di vigilanza dell'impresa dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo sul funzionamento e sull'osservanza dei modelli organizzativi di cui al d.lgs. 231/2001 (Responsabilità amministrativa delle società); -# i familiari conviventi di tutti i predetti soggetti.

© Riproduzione riservata