E’ possibile l’avvalimento della certificazione di qualità?

Postato da il 26 Novembre 2012
{{{Quesito}}} Vorremmo partecipare ad una gara d'appalto avvalendoci del certificato di qualità ISO di un'altra impresa. Il bando non indica nulla al riguardo. Rischiamo in qualche modo l'esclusione dalla gara? {{{Risposta}}} No. Se il bando non pone limiti all'avvalimento motivati in ragione della natura e delle caratteristiche particolari dell'appalto, la stazione appaltante non può escludervi dalla gara, in quanto {{la certificazione di qualità attiene ai requisiti di capacità tecnica e professionale dell'impresa}}. Ai sensi dell'art. 49 del Codice Appalti, l'[avvalimento->http://www.studiolegalebraggio.it/+-Avvalimento-+] è uno strumento finalizzato proprio a consentire alle imprese prive dei requisiti speciali di carattere economico–finanziario e tecnico–organizzativo di avvalersi dei requisiti di capacità di altre imprese. Come specificato di recente anche dal Consiglio di Stato, {{il possesso della certificazione di qualità non va considerato come un requisito soggettivo dell'impresa}}, in quanto “{la certificazione di qualità, essendo connotata dal precipuo fine di valorizzare gli elementi di eccellenza dell’organizzazione complessiva, è da considerarsi anch’essa requisito di idoneità tecnico organizzativa dell’impresa, ... assicurando che l’impresa cui sarà affidato il servizio o la fornitura sarà in grado di effettuare la prestazione nel rispetto di un livello minimo di qualità accertato da un organismo a ciò predisposto”} (Cons. Stato, sent. n. 5408/2012).

© Riproduzione riservata