L’offerta di gara può superare l’importo a base d’asta?

Postato da il 12 Novembre 2012
{{{Quesito}}} Nel bando di gara viene indicato il divieto, a pena di esclusione, di presentare offerte economiche pari o in aumento rispetto all'importo a base d'asta. E' giusto che sia così? {{{Risposta}}} Sì, in quanto l'importo a base di gara sta ad indicare la spesa massima programmata e sostenibile dalla stazione appaltante, su cui i concorrenti devono offrire un ribasso. Il divieto di presentazione di offerte in aumento rispetto all’importo a base di gara è contenuto nell’art. 82, comma 1, del Codice Appalti, che detta la disciplina del criterio di aggiudicazione al prezzo più basso, il quale deve essere {“inferiore a quello posto a base di gara”}. Ma detto divieto deve ritenersi applicabile anche nel caso di appalti da aggiudicare con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Al riguardo l’art. 283, comma 3, del Regolamento Appalti, nel definire la procedura in caso di aggiudicazione di forniture e servizi con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, contiene un esplicito riferimento alla lettura dei {“ribassi espressi in lettere”} e delle riduzioni delle offerte economiche.

© Riproduzione riservata