Nuovo Codice Appalti: gli step di approvazione

Postato da Redazione il 9 Marzo 2016
In attuazione della Legge delega n. 11/2016, lo scorso 3 marzo 2016 si è registrato un ulteriore importante step di approvazione del testo legislativo che costituirà il Nuovo Codice Appalti. Il Consiglio dei Ministri ha {{approvato, in via preliminare, il decreto legislativo che recepisce le nuove direttive europee su appalti e concessioni }} (2014/23/UE, 2014/24/UE, 2014/25/UE) riordinando l’attuale normativa costituita principalmente dal Codice dei contratti pubblici (D.Lgs. n. 163/2016) e dal relativo Regolamento di attuazione (D.P.R. n. 207/2010). Il provvedimento deve ora passare al {{vaglio di: -# Consiglio di Stato, -# Conferenza delle Regioni, -# Commissioni competenti di Camera e Senato}}, per poi tornare a Palazzo Chigi per la {{definitiva approvazione entro il 18 aprile 2016}}, seguita dalla successiva pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica (G.U.R.I.). Entro il medesimo termine dovrebbero essere approvate con decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti anche le apposite {{linee guida di carattere generale proposte dall’ANAC.}} Il nuovo testo del Codice Appalti è composto da {{217 articoli}}, distribuiti nelle seguenti sezioni: -* Parte I - Ambito di applicazione, principi, disposizioni comuni ed esclusioni (artt. 1-34) -* Parte II – Contratti di appalto per lavori, servizi e forniture (artt. 35-163) -* Parte III – Contratti di concessione (artt. 164-178) -* Parte IV – Partenariato pubblico-privato e contraente generale (artt. 179-199) -* Parte V – Infrastrutture e insediamenti prioritari (artt. 200-203) -* Parte VI - Disposizioni finali e transitorie (artt. 204-217) L’articolo 217 comma 1 del decreto prevede espressamente che, a decorrere dalla data di entrata in vigore del nuovo testo e fatte salve alcune disposizioni transitorie, saranno abrogati il vigente Codice dei contratti pubblici, il relativo Regolamento di attuazione e tutte le norme attualmente vigenti incompatibili con le nuove disposizioni.

© Riproduzione riservata