L’offerta condizionata comporta sempre l’esclusione dalla gara

Postato da il 12 Novembre 2012
Nell'ambito di una gara d'appalto, se un concorrente allega un {{patto aggiuntivo o modificativo}} rispetto allo schema d'offerta proposto dalla stazione appaltante, l'{{offerta è inammissibile}} perchè viene meno la necessaria conformità tra il regolamento contrattuale predisposto dalla stazione appaltante e l'offerta presentata dal concorrente. Poiché la stazione appaltante predetermina la sua proposta contrattuale negli atti di gara affinchè tutti i concorrenti ne siano a conoscenza e vincolati, la presentazione di un'offerta condizionata, cioè difforme dalla proposta della stazione appaltante, altera la {par condicio} dei concorrenti e comporta l'esclusione dalla gara. Nella materia delle procedure di evidenza pubblica, la nozione di “offerta condizionata” ricorre quando l'offerente subordina il proprio impegno contrattuale a che la controparte accetti una controproposta concernente un patto aggiuntivo o modificativo rispetto allo schema proposto dalla stazione appaltante. In sostanza, l'offerta dell'impresa partecipante può dirsi condizionata e, quindi, inammissibile, quando il concorrente subordina la sua adesione al contratto a condizioni estranee all'oggetto del procedimento ovvero ad elementi non previsti nelle norme di gara o di capitolato. {{T.A.R. Lazio Roma, n. 5827/2011}} {{{In sintesi}}} -* L'{{offerta condizionata}} consiste nel porre nella propria offerta delle condizioni aggiuntive non previste nel bando di gara. -* Il T.A.R. del Lazio ha sancito che porre un'offerta condizionata è sempre causa di esclusione nell'ambito di un appalto pubblico. -* E' opportuno valutare attentamente il testo del bando prima di formulare l'offerta e, in caso di dubbi, rivolgersi ad un consulente legale: è meglio partecipare ad una sola gara per vincerla che a diverse con il rischio di essere esclusi.

© Riproduzione riservata