E’ possibile accorpare servizi diversi in un unico appalto?

Postato da Redazione il 3 Febbraio 2016
{{{Quesito}}} Per l'affidamento di più servizi diversi, ovvero appartenenti a categorie disomogenee, con oggetti diversi a base di gara, la stazione appaltante può decidere di accorparli in un unico appalto? {{{Risposta}}} No. Se l'oggetto dei servizi è diverso e disomogeneo la stazione appaltante non può accorparli in un unico appalto o, più precisamente, in un unico lotto di gara. È infatti da ritenersi illegittimo e restrittivo della concorrenza l’oggetto contrattuale di un unico affidamento, se riferito ad appalti di tipologia sensibilmente differente, cioè comprensivi di prestazioni troppo eterogenee (come ad es. nel caso di servizi manutentivi applicati a comparti di diversa natura). Trattasi, infatti, di {{interventi funzionalmente autonomi tra loro}}, per i quali va garantito un {{elevato livello di concorrenza}} e di partecipazione alla gara delle piccole-medie imprese, le quali, invece, in caso di accorpamento, verrebbero estromesse. Pertanto la stazione appaltante tendenzialmente non può, a patto di incorrere in grave irregolarità, integrare tutte le prestazioni diverse in un unico bando di gara (così ANAC, parere di precontenzioso n. 207/2015). Piuttosto la soluzione è da ricercarsi, di volta in volta, in una pluralità di {{opzioni alternative}} quali: -* la suddivisione in lotti funzionali di gara; -* l’affidamento di diversi appalti con gare separate; -* l’adesione a convenzioni settoriali, stipulate da Consip o da altre centrali di committenza.

© Riproduzione riservata