E’ possibile l’affidamento diretto se vi è un unico operatore economico?

Postato da Redazione il 4 Settembre 2015
{{{Quesito }}} Negli appalti di forniture è possibile l'affidamento diretto della commessa se vi è un unico operatore economico dotato della necessaria capacità tecnica per fornire il prodotto richiesto? {{{Risposta }}} No, non è possibile{{ l'affidamento diretto }} di una fornitura ad un determinato operatore economico se non risulta "unico" anche il prodotto da fornire nell'immediato. In altri termini, l'unicità di un operatore economico determinato, ovvero l'invito ed il conseguente affidamento diretto della fornitura da parte della PA, {{dipende}} e non può prescindere {{dall'unicità del prodotto offerto}}. A sua volta il prodotto offerto può definirsi "unico" solo se, al momento della richiesta da parte dell'Amministrazione, risulta già {"pronto all’uso senza necessità di adeguamenti, modifiche o ulteriori incrementi" (Cons. St., sent. n. 3488/2015).} Ciò significa che {{l'amministrazione}}, prima di affidare un appalto in via diretta ad una specifica impresa, {{ha l'onere di dimostrare e motivare l'unicità del fornitore}} rispetto alla platea dei potenziali concorrenti. La ragione di ciò sta nel fatto che le ipotesi elencate nell’{{art. 57 co. 2}} del Codice Appalti, per le quali è possibile affidare determinate forniture tramite {{procedura negoziata}} senza pubblicazione del bando (e addirittura con affidamento diretto), devono rappresentare una ristretta {{eccezione al principio}} fondamentale di {{pubblicità}} e massima {{concorrenzialità}} negli appalti pubblici.

© Riproduzione riservata