Spending Review: rinegoziazione dei contratti di fornitura in Sanità

Postato da Redazione il 28 Ottobre 2012
Al fine di razionalizzare le risorse e di conseguire una riduzione della spesa sanitaria per l'acquisto di beni e servizi, il decreto Spending Review 2 di cui al D.L. n. 95/2012 e s.m. ha previsto l'obbligo delle Aziende Sanitarie di proporre ai fornitori una rinegoziazione dei prezzi unitari di fornitura che li riconduca ai prezzi di riferimento individuati, per ciascuna categoria di beni e servizi, dalle Centrali regionali per gli acquisti. L'onere di rinegoziazione dei prezzi unitari contrattualizzati sussiste al verificarsi delle seguenti condizioni: -* che i prezzi contrattuali superino del 20% i {{prezzi di riferimento }} individuati dall’Osservatorio dei contratti pubblici e -* che tale differenza di prezzo non sia giustificata da particolari {{condizioni tecniche o logistiche della fornitura}}. {{In caso di mancato accordo}} con i fornitori entro il termine di 30 giorni dalla trasmissione della proposta, {{le Aziende sanitarie hanno il diritto di recedere dal contratto}}. A seguito di {{rescissione del contratto}}, nelle more dell'espletamento delle nuove gare, le aziende sanitarie possono stipulare nuovi contratti o tramite affidamento diretto a condizioni più convenienti in ampliamento di contratti stipulati da altre aziende sanitarie, o accedendo a convenzioni-quadro di altre regioni.

© Riproduzione riservata