Categorie SOA: la classifica III consente di partecipare a gare che richiedono la classifica III-bis?

Postato da Redazione il 25 Settembre 2014
{{{Quesito}}} Se una ditta possiede una determinata categoria SOA per la classifica III, può partecipare ad una gara d'appalto di lavori per la quale è richiesta la medesima categoria SOA per la classifica III-bis? {{{Risposta}}} Dipende dall'importo complessivo a base d'asta previsto dal bando di gara. Il concorrente che partecipa alla gara deve infatti possedere l'attestazione di qualificazione SOA {“per categoria e classifica adeguate ai lavori da assumere”}, dove la “categoria” fa riferimento al tipo di lavorazione oggetto d'appalto, mentre la “classifica” si riferisce all'importo della lavorazione stessa. L'{{art. 61 comma 1 del D.P.R. n. 207/2010 }} (Regolamento Appalti) elenca le varie classifiche, dalla I alla VIII, specificando i vari livelli dl'importo dei lavori a ciascuna corrispondente. Il successivo comma 2 disciplina le modalità attraverso le quali si determina l'importo massimo dei lavori che possono essere eseguiti in base a ciascuna classifica: {"la qualificazione in una categoria abilita l'impresa a partecipare alle gare e ad eseguire i lavori nei limiti della propria {{classifica incrementata di un quinto}}". } In virtù dell’incremento del 20% della classifica posseduta, occorre quindi anzitutto verificare se la determinazione della classifica effettuata nel bando di gara sia effettivamente corrispondente alle soglie d'importo definite dall'art. 61 comma 1 del d.P.R. n. 207/2010. Infatti, nel caso in cui vi sia un {{errore nella determinazione della classifica}} rispetto al relativo importo dei lavori, il concorrente, ancorché in possesso di una classifica inferiore rispetto a quella richiesta dal bando di gara, può partecipare alla gara in quanto qualificato per categoria e classifica adeguate ai lavori da assumere ({cfr. Parere Avcp n. 161 del 10.10.2012}). Se, invece, l'importo complessivo a base d'asta supera la soglia della classifica posseduta dall'impresa ancorchè incrementata del 20%, il concorrente non può partecipare alla gara.

© Riproduzione riservata