Spending Review: rinegoziazione dei contratti di fornitura in Sanità

Postato da Redazione il 28 Ottobre 2012

Al fine di razionalizzare le risorse e di conseguire una riduzione della spesa sanitaria per l’acquisto di beni e servizi, il decreto Spending Review 2 di cui al D.L. n. 95/2012 e s.m. ha previsto l’obbligo delle Aziende Sanitarie di proporre ai fornitori una rinegoziazione dei prezzi unitari di fornitura che li riconduca ai prezzi di riferimento individuati, per ciascuna categoria di beni e servizi, dalle Centrali regionali per gli acquisti.

L’onere di rinegoziazione dei prezzi unitari contrattualizzati sussiste al verificarsi delle seguenti condizioni:

  • che i prezzi contrattuali superino del 20% i prezzi di riferimento individuati dall’Osservatorio dei contratti pubblici e
  • che tale differenza di prezzo non sia giustificata da particolari condizioni tecniche o logistiche della fornitura.

In caso di mancato accordo con i fornitori entro il termine di 30 giorni dalla trasmissione della proposta, le Aziende sanitarie hanno il diritto di recedere dal contratto.

A seguito di rescissione del contratto, nelle more dell’espletamento delle nuove gare, le aziende sanitarie possono stipulare nuovi contratti o tramite affidamento diretto a condizioni più convenienti in ampliamento di contratti stipulati da altre aziende sanitarie, o accedendo a convenzioni-quadro di altre regioni.

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

Obblighi Trasparenza delle stazioni appaltanti entro il 31 gennaio

Postato da Redazione il 17 Dicembre 2013 in Leggi e Prassi

Si avvicina il termine del 31 gennaio per l’adempimento degli obblighi di trasparenza a carico delle stazioni appaltanti nei confronti dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici (AVCP). Ricordiamo che l’art. 1 della (...)

Mercato elettronico: obbligatorio anche per gli acquisti in economia

Postato da Redazione il 16 Aprile 2013 in Pillole di giurisprudenza

Le pubbliche Amministrazioni, compresi gli enti locali, hanno l’obbligo di ricorrere al mercato elettronico Consip (MEPA), o agli altri mercati elettronici istituiti da centrali di committenza, per l’acquisto di beni e servizi (...)