Rating di legalità: in vigore il regolamento dell’Antitrust

Postato da Redazione il 2 Gennaio 2013

Entra oggi in vigore il Regolamento dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Antitrust) che stabilisce le modalità di attribuzione del cosiddetto “rating di legalità” per le imprese.

Il rating di legalità, previsto dall’art. 5-ter del D.L. n. 1/2012 e s.m., è una sorta di strumento di misura della legalità delle imprese, finalizzato a premiare quelle che agiscono nel rispetto della legge e che si dotano di sistemi anticorruzione e di codici etici di autoregolamentazione.

La funzione premiale del rating di legalità consiste nel garantire alle imprese più “virtuose”:

  • migliori condizioni di accesso al credito bancario e
  • concessione di finanziamenti pubblici.

Requisiti delle imprese

La richiesta per ottenere il rating di legalità va presentata mediante l’apposito modulo pubblicato sul sito dell’Antitrust, autocertificando il possesso dei requisiti richiesti.

Possono richiedere l’attribuzione del rating di legalità le imprese:

  • con sede operativa in Italia;
  • con un fatturato minimo di 2 milioni di euro nell’esercizio chiuso nell’anno precedente alla richiesta;
  • iscritte al registro delle imprese da almeno due anni;
  • in possesso di regolare certificato antimafia

Procedura di attribuzione del rating

Il rating di legalità viene attribuito dall’Antitrust attraverso l’assegnazione di un punteggio espresso in stelle (minimo una stella, massimo tre stelle), entro 60 giorni dal ricevimento della richiesta.

L’Antitrust può richiedere a tutte le pubbliche amministrazioni informazioni sulla sussistenza dei requisiti dichiarati dal richiedente per l’attribuzione del rating di legalità.

Le pubbliche amministrazioni interpellate devono rispondere entro il termine di 45 giorni dalla richiesta, decorso il quale vale il principio del “silenzio-assenso”.

Durata

Il rating di legalità dura due anni dal rilascio ed e’ rinnovabile su richiesta, ma è anche revocabile dall’Antitrust se l’impresa perde i requisiti prescritti.

In particolari circostanze, l’Antitrust può anche ridurre il punteggio attribuito all’impresa o sospendere il rating, dandone comunicazione all’impresa per eventuali osservazioni.

Elenco imprese con rating

L’elenco aggiornato delle imprese a cui il rating di legalità viene attribuito, sospeso o revocato dall’Antitrust è pubblicato sul sito:
http://www.agcm.it/

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

Anticorruzione e trasparenza. Linee guida ANAC per le società partecipate.

Postato da Redazione il 3 Luglio 2015 in Leggi e Prassi

Con determina ANAC n. 8 del 17 giugno 2015 sono state approvate le Linee Guida in materia di Anticorruzione e Trasparenza per le società controllate o partecipate da enti pubblici e per gli enti pubblici economici. Con (...)

Soppressione dell’AVCP entro fine anno: cosa cambia

Postato da Redazione il 17 Giugno 2014 in Leggi e Prassi

Sulla scia dei recenti scandali tangenti negli appalti per l’Expo ed il Mose, lo scorso 13 giugno il Governo Renzi ha varato un nuovo Decreto legge sulla Riforma della Pubblica Amministrazione e sull’Anticorruzione che prevede, (...)