Nuove soglie comunitarie 2014-2015

Postato da Redazione il 26 Dicembre 2013

Con il Regolamento UE n. 1336/2013 sono state pubblicate le nuove soglie di applicazione della normativa comunitaria in materia di appalti pubblici.

Il Regolamento è direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri dell’Unione Europea a partire dal 1 gennaio 2014, data di entrata in vigore delle nuove soglie comunitarie, ed ha una validità di due anni.

Le soglie determinano gli importi dei bandi di gara a partire dai quali si applica la normativa comunitaria anziché quella nazionale, e sono state fissate in:

  • 134.000 euro per gli appalti pubblici di forniture e servizi aggiudicati da autorità governative centrali (ministeri, enti pubblici nazionali);
  • 207.000 euro per gli appalti pubblici di forniture e di servizi aggiudicati da amministrazioni aggiudicatrici diverse dalle autorità governative centrali;
  • 5.186.000 euro per gli appalti pubblici di lavori.

Per quanto concerne invece gli appalti nei cosiddetti "settori esclusi" (appalti pubblici nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali), saranno in vigore dal 1 gennaio 2014 le seguenti soglie:

  • 414.000 euro per gli appalti di forniture e di servizi;
  • 5.186.000 euro per gli appalti di lavori e per le concessioni.

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

Le novità del Decreto n. 66/2014 dopo la conversione in legge

Postato da Redazione il 1 Luglio 2014 in Leggi e Prassi

Pubblicata sulla G.U. n. 143 del 23.06.2014 la Legge n. 89/2014 di conversione del Decreto legge n. 66/2014 "Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale" (c.d. decreto di Spending Review 3). Entrano quindi (...)

Chi ha l’onere di registrazione dei contratti pubblici?

Postato da Avv. Barbara Braggio il 24 Marzo 2014 in Quesiti & Risposte

Quesito A seguito di regolare aggiudicazione e stipulazione di un contratto d’appalto, un’Amministrazione pubblica può omettere la registrazione del contratto o chiedere all’aggiudicataria di provvedervi? Risposta L’obbligo o (...)