Nuovo Codice Appalti: non si applica ai bandi pubblicati il 19 aprile 2016

Postato da il 4 Maggio 2016

Il nuovo Codice Appalti di cui al d.lgs. n. 50/2016 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 91 del 19 aprile 2016 ed è entrato in vigore nella medesima data.

Con un primo Comunicato del 22 aprile 2016 l’ANAC aveva evidenziato l’applicabilità del nuovo codice ai bandi pubblicati a partire dal 19 aprile 2016.

Con successiva nota del 3 maggio 2016, invece, l’ANAC ha precisato che il nuovo Codice Appalti non si applica ai bandi di gara pubblicati il 19 aprile 2016, in quanto la pubblicazione del Codice nella versione on line della Gazzetta Ufficiale è avvenuta dopo le ore 22.00.

In realtà, è lo stesso Codice a prevedere il suo regime di applicabilità, posto che l’art. 216 (Disposizioni transitorie e di coordinamento), così precisa al comma 1:

Fatto salvo quanto previsto nel presente articolo ovvero nelle singole disposizioni di cui al presente codice, lo stesso si applica alle procedure e ai contratti per le quali i bandi o avvisi con cui si indice la procedura di scelta del contraente siano pubblicati successivamente alla data della sua entrata in vigore (...)

Pertanto, il nuovo Codice si applica ai bandi di gara pubblicati a partire dal 20 aprile 2016, ovvero successivamente alla data di entrata in vigore.

Vedi l’ambito di applicazione del nuovo Codice.

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

Si può indire un appalto integrato in base al d.lgs. 50/2016 (nuovo codice appalti)?

Postato da Avv. Barbara Braggio il 19 Maggio 2016 in Quesiti & Risposte

Quesito A seguito dell’entrata in vigore del d.lgs. 50/2016 (nuovo Codice Appalti) è ancora possibile indire una gara d’appalto avente ad oggetto la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori (c.d. appalto integrato)? (...)

Dichiarazioni art. 38: le nuove sanzioni introdotte dal Decreto n. 90/2014

Postato da Avv. Barbara Braggio il 30 Settembre 2014 in Leggi e Prassi

Previste nuove sanzioni a carico delle imprese partecipanti a gare d’appalto che omettono di rendere le dichiarazioni sul possesso dei requisiti di ordine generale di cui all’art. 38 del D.lgs. n. 163/2006 (Codice Appalti). Il (...)