Nuovo Codice Appalti: non si applica ai bandi pubblicati il 19 aprile 2016

Postato da il 4 Maggio 2016

Il nuovo Codice Appalti di cui al d.lgs. n. 50/2016 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 91 del 19 aprile 2016 ed è entrato in vigore nella medesima data.

Con un primo Comunicato del 22 aprile 2016 l’ANAC aveva evidenziato l’applicabilità del nuovo codice ai bandi pubblicati a partire dal 19 aprile 2016.

Con successiva nota del 3 maggio 2016, invece, l’ANAC ha precisato che il nuovo Codice Appalti non si applica ai bandi di gara pubblicati il 19 aprile 2016, in quanto la pubblicazione del Codice nella versione on line della Gazzetta Ufficiale è avvenuta dopo le ore 22.00.

In realtà, è lo stesso Codice a prevedere il suo regime di applicabilità, posto che l’art. 216 (Disposizioni transitorie e di coordinamento), così precisa al comma 1:

Fatto salvo quanto previsto nel presente articolo ovvero nelle singole disposizioni di cui al presente codice, lo stesso si applica alle procedure e ai contratti per le quali i bandi o avvisi con cui si indice la procedura di scelta del contraente siano pubblicati successivamente alla data della sua entrata in vigore (...)

Pertanto, il nuovo Codice si applica ai bandi di gara pubblicati a partire dal 20 aprile 2016, ovvero successivamente alla data di entrata in vigore.

Vedi l’ambito di applicazione del nuovo Codice.

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

Entro il 2014 almeno il 50% di "Appalti verdi"

Postato da Redazione il 21 Maggio 2013 in Leggi e Prassi

Il Decreto del Ministro dell’Ambiente del 10 aprile 2013, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 102 del 3 maggio 2013, ha posto l’obiettivo di raggiungere, entro il 2014, il 50% di "acquisti verdi" rispetto al numero ed al (...)

Chi deve firmare la cauzione fideiussoria?

Postato da Avv. Barbara Braggio il 22 Maggio 2013 in Quesiti & Risposte

Quesito In un bando di gara viene richiesto di presentare, in caso di garanzia provvisoria sotto forma di fideiussione, il certificato da cui risultino i poteri di rappresentanza del soggetto che sottoscrive la fideiussione: (...)