La forma elettronica dei contratti d’appalto

Postato da Redazione il 20 Novembre 2015

La disciplina relativa alla forma del contratto di appalto pubblico è contenuta nell’articolo 11 comma 13 del D.lgs. 163/2006 (c.d. Codice Appalti) nel testo novellato dall’art. 6 del D.L. n. 179/2012 (cd. "Decreto Sviluppo bis") e del D.L. n.145/2013 (c.d "Decreto Destinazione Italia").

Con tali norme si è voluto estendere ai contratti d’appalto pubblico l’utilizzo delle modalità elettroniche di stipula, in linea con le misure di informatizzazione e progressiva dematerializzazione dei procedimenti amministrativi di cui alla c.d. "Agenda Digitale".

L’obbligo della forma elettronica

L’articolo 11, co. 13 del Codice Appalti dispone che il contratto sia stipulato, a pena di nullità, con atto pubblico notarile informatico, ovvero in modalità elettronica secondo le norme vigenti per ciascuna stazione appaltante (forma pubblica amministrativa o scrittura privata).

In base alla lettera della norma, quindi, la “forma elettronica” è l’unica modalità ammessa per la stesura dei contratti d’appalto che, di volta in volta, possono assumere una delle seguenti forme contrattuali:

  • atto pubblico notarile informatico;
  • forma pubblica amministrativa, a cura dell’ufficiale rogante della P.A.;
  • scrittura privata.

Come chiarito dall’ANAC nella determina n. 1 del 13 febbraio 2013 e nel recente comunicato del 4 novembre 2015, l’utilizzo della modalità elettronica è da ritenersi obbligatorio, a pena di nullità, per tutti i contratti d’appalto stipulati sia in forma pubblica amministrativa che mediante scrittura privata.

Ciò è valido anche in caso di scrittura privata conclusa tramite scambio di lettere e relativa al cottimo fiduciario nei servizi e nelle forniture, ai sensi dell’art. 334, comma 2, del D.P.R. n. 207/2010.

Chiarimenti sulla "modalità elettronica"

Ogni amministrazione, al fine di stipulare un contratto d’appalto con atto notarile informatico, forma pubblica amministrativa, o scrittura privata, è chiamata ad adottare le disposizioni relative alla “modalità elettronica”, in base a quanto previsto dal Codice dell’Amministrazione Digitale (C.A.D.) di cui al D.lgs. 7 marzo 2005, n. 82.

Ai sensi dell’art. 21 co. 2-bis del C.A.D., gli atti pubblici e le scritture private devono essere sottoscritte, a pena di nullità, con firma elettronica qualificata o con firma digitale (c.d. "documento informatico").

In particolare, per i contratti redatti in forma pubblica amministrativa, la firma elettronica acquisita digitalmente (o qualsiasi altra firma elettronica avanzata) va autenticata dal pubblico ufficiale rogante, attestando che la firma è stata apposta in sua presenza dall’operatore, di cui sia stata prima accertata l’identità personale.

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

Chi ha l’onere di registrazione dei contratti pubblici?

Postato da Avv. Barbara Braggio il 24 Marzo 2014 in Quesiti & Risposte

Quesito A seguito di regolare aggiudicazione e stipulazione di un contratto d’appalto, un’Amministrazione pubblica può omettere la registrazione del contratto o chiedere all’aggiudicataria di provvedervi? Risposta L’obbligo o (...)

Dispositivi medici: annullati i prezzi di riferimento AVCP

Postato da Avv. Barbara Braggio il 7 Maggio 2013 in Leggi e Prassi

Con la sentenza n. 4401 del 2.5.2013, il TAR Lazio ha annullato l’elenco dei prezzi di riferimento dei dispositivi medici pubblicati dall’Osservatorio dei contratti pubblici dell’Autorità di vigilanza (AVCP). Ricordiamo che lo (...)