Gare MEPA: chiarimenti sulla verifica dei requisiti generali

Postato da Redazione il 4 Gennaio 2016

Con il comunicato del 23 dicembre 2015 il presidente ANAC ha fornito chiarimenti sulle modalità di verifica dei requisiti generali di cui all’art. 38 del d.lgs. 163/2006 (Codice Appalti), nel caso di gare esperite sul MEPA (Mercato Elettronico delle Pubblica Amministrazione).

In caso di procedura di acquisto tramite richiesta di offerta (RdO), un primo controllo sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive rese dai concorrenti viene effettuato (in base all’art. 71 del DPR 445/2000) da Consip, quale gestore del MEPA, in sede di conferma della richiesta di abilitazione al MEPA, da rinnovarsi ogni sei mesi.

Questo controllo si svolge tramite verifiche a campione e/o verifiche mirate (in caso di sospetta falsità su alcune autocertificazioni) direttamente presso le Amministrazioni competenti (tra cui INPS, INAIL, Agenzia delle Entrate, Casellario Giudiziale) ed è necessario per consentire agli operatori economici di partecipare alle procedure di affidamento telematiche.

Una volta conseguita l’abilitazione, in caso di aggiudicazione della singola gara MEPA, il controllo sul possesso dei requisiti generali nei confronti dell’aggiudicatario spetta esclusivamente alla stazione appaltante che ha formulato la RdO.

A tale scopo la stazione appaltante deve utilizzare il sistema AVCPASS, secondo le indicazioni fornite dal Manuale d’uso dell’applicazione scaricabile dal sito ANAC e previa registrazione on line da parte della stazione appaltante e degli operatori economici partecipanti.

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

Mancanza PASSOE: è causa di esclusione?

Postato da Redazione il 27 Novembre 2015 in Quesiti & Risposte

Quesito La ditta che, a causa di ritardi nel processo di registrazione al sistema AVCPass, non include il PASSOE nella busta contenente la documentazione amministrativa, può essere esclusa dalla gara? Risposta No, come (...)

AVCPASS da oggi obbligatorio: appalti bloccati?

Postato da Redazione il 1 Luglio 2014 in Leggi e Prassi

Nessuna proroga per l’AVCPASS, il nuovo sistema di verifica telematica dei requisiti di partecipazione delle imprese che diventa da oggi obbligatorio per le gare d’appalto d’importo a base d’asta pari o superiore ai 40.000 euro (...)