Dispositivi medici: sospesi i prezzi di riferimento dell’AVCP

Postato da Redazione il 28 Novembre 2012

Con le ordinanze cautelari nn. 4238, 4245 e 4247 del 23.11.2012, il TAR Lazio Roma ha sospeso l’efficacia degli elenchi prezzi di riferimento dei dispositivi medici pubblicati dall’Osservatorio dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture dell’AVCP, “in quanto predisposti senza la necessaria ed adeguata attività istruttoria”.

Ricordiamo che l’Osservatorio dell’AVCP aveva pubblicato lo scorso luglio i prezzi di riferimento in ambito sanitario, in ossequio alla previsione dell’art. 17 della legge 111/2011 in materia di razionalizzazione della spesa sanitaria.

Il TAR Lazio ha però evidenziato che nel provvedimento che ha portato alla predisposizione di detti elenchi, “non risulta l’iter logico seguito per individuare lo specifico prezzo della categoria dei dispositivi medici, in relazione alla tipologia di contratti presi a riferimento e al relativo contesto su base nazionale al fine della concreta incisione sulla spesa sanitaria nazionale dei singoli dispositivi”.

La sospensione dell’efficacia degli elenchi prezzi dei dispositivi medici determina la sopravvenuta impossibilità, per le PP.AA., di utilizzare detti prezzi come riferimento :

  • per la definizione dei prezzi base nei bandi di gara ai sensi dell’art. 89 D.Lgs. 163/06;
  • per le richieste di rinegoziazione dei contratti in essere con i fornitori di dispositivi medici ai sensi del 2° decreto di Spending Review (D.L. n. 95/2012 e s.m.).

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

Dichiarazioni art. 38: le nuove sanzioni introdotte dal Decreto n. 90/2014

Postato da Avv. Barbara Braggio il 30 Settembre 2014 in Leggi e Prassi

Previste nuove sanzioni a carico delle imprese partecipanti a gare d’appalto che omettono di rendere le dichiarazioni sul possesso dei requisiti di ordine generale di cui all’art. 38 del D.lgs. n. 163/2006 (Codice Appalti). Il (...)

L’offerta di gara può contenere due o più soluzioni alternative per la PA?

Postato da Avv. Barbara Braggio il 17 Novembre 2014 in Quesiti & Risposte

Quesito Nel caso di appalti più complessi, l’offerta tecnica può contenere due o più soluzioni alternative per la PA, a parità di offerta economica? Risposta Ai sensi dell’art.11, comma 6, del d.lgs. n. 163/2006 (Codice appalti), (...)