Commissione giudicatrice e seggio di gara: rispettive competenze

Postato da Redazione il 26 Novembre 2015

In caso di appalti da aggiudicarsi con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, la procedura di gara si compone di più sottofasi che ben possono essere gestite distintamente da un Seggio di gara e da una Commissione giudicatrice, nel rispetto delle rispettive competenze.

In tal caso non risulta violato il principio di "unicità della commissione di gara".

É quanto ha stabilito il Consiglio di Stato sez. III con la sentenza n. 4190/2015, richiamando l’art. 283, co. 2 e 3 del D.P.R. n. 207/2010 (c.d. Regolamento Appalti):

Le attività prive di qualsiasi discrezionalità ben possono essere svolte, sempre pubblicamente, dal seggio di gara, anche in composizione monocratica;
al contrario la valutazione delle offerte tecniche deve essere svolta necessariamente da una commissione giudicatrice.

Ciò significa che al seggio di gara (costituito da organi non tecnici della stazione appaltante) possono essere affidate le attività di:

  • esame della documentazione amministrativa prodotta dai concorrenti in gara;
  • comunicazione dei punteggi attribuiti dalla Commissione giudicatrice alle offerte tecniche;
  • apertura, lettura e attribuzione dei punteggi relativi alle offerte economiche.

Tali attività, non richiedendo alcun giudizio di tipo discrezionale, possono svolgersi a cura del Seggio di gara, anche in composizione monocratica, ovvero a cura dello stesso Responsabile del procedimento.

Al contrario, alla Commissione giudicatrice, nominata ai sensi dell’art. 84 del D.Lgs. n. 163/2006, competono necessariamente la valutazione e l’attribuzione dei punteggi relativi alle offerte tecniche, trattandosi di attività caratterizzate da elevati margini di discrezionalità tecnica.

La commissione deve procedere a tali valutazioni in sedute riservate provvedendo, poi, alla assegnazione dei punteggi nel rigoroso rispetto dei criteri stabiliti dal bando e dal disciplinare di gara, per ogni elemento di valutazione.

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

Campionatura: se manca, comporta l’esclusione

Postato da Redazione il 4 Dicembre 2012 in Pillole di giurisprudenza

La mancata presentazione, entro il termine di scadenza delle offerte, della campionatura richiesta nel bando di gara comporta la legittima esclusione del concorrente dalla gara. La stazione appaltante può infatti prevedere (...)

Dichiarazioni con firma digitale: serve il documento d’identità?

Postato da Avv. Barbara Braggio il 17 Dicembre 2013 in Quesiti & Risposte

Quesito Nelle gare d’appalto gestite interamente per via telematica, le dichiarazioni da presentare in autocertificazione ai sensi del DPR n. 445/2000 munite di firma digitale devono essere corredate anche da fotocopia del (...)