CELMAE: on line i Certificati Esecuzione Lavori all’estero

Postato da Redazione il 6 Marzo 2013

Con Comunicato del 4 marzo 2013 l’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici (AVCP) ha reso noto il nuovo sistema telematico per l’emissione dei certificati di esecuzione lavori eseguiti all’estero, denominato CELMAE.

In pratica, ai sensi di quanto previsto dall’art. 84 del D.P.R. n. 207/2010 (Regolamento appalti), le imprese con sede legale in Italia che hanno realizzato lavori all’estero e che intendono usufruire della relativa certificazione ai fini dell’attestazione di qualificazione da parte delle SOA, devono richiedere l’emissione del CELMAE alle sedi diplomatiche italiane negli Stati in cui hanno eseguito i lavori.

Il CELMAE viene emesso in forma telematica mediante collegamento e accesso all’area riservata del Portale dell’Autorità.

Gli uffici delle rappresentanze diplomatiche italiane all’estero provvedono quindi a stampare il certificato per poterlo rilasciare alle imprese richiedenti.

Le SOA devono verificare, all’atto della presentazione della documentazione da parte dell’impresa, che le informazioni riportate nella stampa del CELMAE corrispondano con quelle presenti nel sistema informatico dell’Autorità.

Al fine di agevolare l’utilizzo del nuovo sistema telematico di emissione del CELMAE, l’Autorità ha inoltre predisposto uno specifico "manuale utente" per gli operatori delle ambasciate italiane all’estero.

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

AVCPASS: regime obbligatorio rinviato al 1° gennaio 2014

Postato da Redazione il 13 Giugno 2013 in Leggi e Prassi

Con un Comunicato del 12 giugno 2013, l’Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici (AVCP) ha rinviato al 1° gennaio 2014 il passaggio al regime obbligatorio del nuovo sistema AVCPASS per le pubbliche gare d’appalto d’importo (...)

Le dichiarazioni bancarie devono avere un contenuto particolare?

Postato da Avv. Barbara Braggio il 18 Dicembre 2012 in Quesiti & Risposte

Quesito Siamo stati esclusi da una gara d’appalto perchè una delle due dichiarazioni bancarie prodotte è stata considerata dalla stazione appaltante troppo generica (non era indirizzata all’Amministrazione e non riportava (...)