Avcp, dal 12 maggio nuovi obblighi informativi per i RUP

Postato da il 13 Maggio 2014

Dal 12 maggio 2014 scattano nuovi obblighi informativi a carico dei RUP che utilizzano il sistema SIMOG (Sistema Monitoraggio Gare) per la creazione del codice identificativo di gara (CIG).

Con un Comunicato dell’8 maggio scorso, il Presidente dell’AVCP ha infatti previsto l’ulteriore obbligo di indicare nel SIMOG anche il codice unico di progetto (CUP), ossia il codice identificativo del progetto nell’ambito del quale si colloca lo specifico appalto.

La mancata indicazione del CUP, così come l’indicazione di un CUP non valido, determina l’impossibilità di acquisire il CIG o di perfezionare quello già acquisito.

Si precisa a tal fine che il CUP è obbligatorio solo per i seguenti appalti:

  • lavori diversi da quelli di manutenzione ordinaria;
  • servizi finalizzati alla realizzazione di un progetto di investimento pubblico;
  • forniture finalizzate alla realizzazione di un progetto di investimento pubblico;
  • servizi o forniture cofinanziati da fondi comunitari.

Il nuovo obbligo nasce dall’impegno che l’Autorità ha assunto nei confronti della Ragioneria Generale dello Stato di trasmettere alla Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche (BDAP) - istituita nel 2009 in seno al Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) al fine di assicurare il controllo e monitoraggio degli andamenti della finanza pubblica - tutti i dati anagrafici, finanziari, fisici e procedurali in suo possesso, concernenti il ciclo di vita dei contratti pubblici.

Pertanto, per evitare alle singole stazioni appaltanti una duplicazione di trasmissione dei dati (verso l’AVCP e verso il MEF), è necessario che i RUP procedano anche alla verifica, integrazione o rettifica dei dati già presenti sul SIMOG.

Al momento dell’inserimento del CUP, il SIMOG verifica che il codice sia presente nella banca dati del CIPE e, in caso positivo, consente al RUP di visualizzare il soggetto che ne ha richiesto il rilascio e l’oggetto del progetto.

Per tutti i CIG creati anteriormente al 12 maggio 2014 e per i quali non sono stati ancora trasmessi i dati relativi alle aggiudicazioni, il RUP deve indicare uno o più CUP in sede di compilazione della Scheda di aggiudicazione.

Per le schede di aggiudicazione già trasmesse alla data del 12 maggio 2014, il RUP deve verificare che, in tutti i casi di obbligatorietà del CUP, questo sia stato inserito.

A tal fine, l’Autorità ha reso noto che, a partire dal 14 luglio 2014 sul SIMOG sarà disponibile una nuova funzionalità che consentirà a ciascun RUP di visualizzare tutti i CIG di propria competenza, con indicazione degli eventuali CUP già riportati.

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

Varianti in corso d’opera: le criticità rilevate dall’ANAC

Postato da Redazione il 2 Dicembre 2014 in Leggi e Prassi

Con il Comunicato del 24 novembre 2014, l’Autorità Anticorruzione (ANAC) ha reso noti i risultati di una prima verifica condotta sulle varianti in corso d’opera che le Stazioni Appaltanti sono obbligate a trasmettere ai sensi (...)

Anticorruzione e trasparenza. Linee guida ANAC per le società partecipate.

Postato da Redazione il 3 Luglio 2015 in Leggi e Prassi

Con determina ANAC n. 8 del 17 giugno 2015 sono state approvate le Linee Guida in materia di Anticorruzione e Trasparenza per le società controllate o partecipate da enti pubblici e per gli enti pubblici economici. Con (...)