AVCP: Modello unico di certificazione esecuzione prestazioni

Postato da Redazione il 13 Giugno 2013

In ottemperanza al disposto dell’art. 42, comma 3-bis, del D.Lgs. 163/06 (Codice dei Contratti), l’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici (AVCP) ha elaborato il nuovo Modello unico di certificazione esecuzione prestazioni, valido per lavori, servizi e forniture, articolato in 7 sezioni:

  1. dati anagrafici della stazione appaltante;
  2. prestazioni previste negli atti di gara e riferite allo specifico contratto;
  3. dati anagrafici dei soggetti affidatari;
  4. dati relativi al contratto (date di inizio e di fine delle prestazioni, eventuali sospensioni, importi inizialmente previsti e importi rideterminati a seguito di eventuali variazioni contrattuali, ecc.);
  5. riepilogo delle prestazioni, ovvero la sommatoria degli importi di dettaglio riportati nelle altre sezioni;
  6. dettaglio delle prestazioni eseguite;
  7. dichiarazione sulla prestazione resa.

Diversamente da quanto avviene oggi per i CEL (certificati di esecuzione lavori), in cui ciascun certificato riporta esclusivamente i dati relativi ad un solo CIG ed alla sola componente lavori, il nuovo modello elaborato dall’AVCP è rappresentativo dell’intero contratto e, quindi, di tutti i lotti in esso ricompresi, perchè contiene i dati relativi a tutte le prestazioni di lavori, servizi e forniture erogate dall’operatore economico nell’ambito dello stesso contratto, anche se riferite a CIG diversi.

Tale configurazione assicura una visione unitaria delle prestazioni eseguite da uno stesso operatore affidatario di più lotti (CIG) nell’ambito di un unico contratto.

In caso di RTI, GEIE o Consorzio, il certificato rilasciato dalla stazione appaltante è uguale per tutti i soggetti riuniti e riporta in maniera distinta le informazioni relative a ciascun soggetto, in modo da assicurare una maggiore trasparenza delle prestazioni eseguite.

L’AVCP ha predisposto un documento di consultazione on line per tutti i soggetti interessati a trasmettere eventuali osservazioni entro le ore 14.00 del 1° luglio 2013.

In base alle risultanze della consultazione, l’Autorità implementerà una procedura informatica per la precompilazione automatica dei campi relativi alle informazioni già presenti nei sistemi SIMOG, AVCPASS, Anagrafe Unica delle Stazioni Appaltanti.

© Riproduzione riservata

Potrebbe interessarti anche:

Qual’è la differenza tra Ordini Diretti e Richieste d’Offerta sul Mercato Elettronico?

Postato da Avv. Barbara Braggio il 8 Luglio 2013 in Quesiti & Risposte

Quesito In seguito ad una Richiesta d’Offerta lanciata da un’Amministrazione sul Mercato Elettronico della PA (MEPA), ci siamo aggiudicati la fornitura. Ora l’Amministrazione appaltante sostiene che per dar corso alla (...)

Chi ha l’onere di registrazione dei contratti pubblici?

Postato da Avv. Barbara Braggio il 24 Marzo 2014 in Quesiti & Risposte

Quesito A seguito di regolare aggiudicazione e stipulazione di un contratto d’appalto, un’Amministrazione pubblica può omettere la registrazione del contratto o chiedere all’aggiudicataria di provvedervi? Risposta L’obbligo o (...)