Centrale di committenza

Ai sensi dell’art. 3, comma 2, lett. i) del D.lgs.n. 50/2016 (Codice dei contratti pubblici), la centrale di committenza è un’amministrazione aggiudicatrice che:

  • acquista forniture o servizi destinati ad amministrazioni aggiudicatrici o altri enti aggiudicatori;
  • conclude accordi quadro di lavori, forniture o servizi destinati ad altre PP.AA.;
  • presta supporto alle attività di committenza delle altre stazioni appaltanti (c.d. “attività di committenza ausiliarie”).

La centrale di committenza a livello nazionale è rappresentata da Consip s.p.a.

La legge finanziaria 2007 ha poi previsto l’istituzione di centrali di committenza regionali che, unitamente a Consip s.p.a., costituiscono un "sistema a rete" per il perseguimento dei piani di razionalizzazione della spesa pubblica e per la realizzazione di sinergie nell’utilizzo di strumenti informatici per l’acquisto di beni e servizi (art. 1, comma 457, Legge n. 296/2006).

In via generale, per gli acquisti di forniture e servizi di importo superiore a 40.000 euro e inferiore alla soglia comunitaria e per lavori di manutenzione ordinaria d’importo superiore a 150.000 euro e inferiore a 1 milione di euro, le stazioni appaltanti in possesso della necessaria qualificazione possono utilizzare, anche autonomamente, gli strumenti telematici di acquisto forniti da Consip e/o da altre centrali di committenza.

Al contrario, le amministrazioni pubbliche non in possesso della necessaria qualificazione possono aggiudicare gli appalti di lavori, servizi e forniture esclusivamente mediante centrali di committenza o aggregandosi con altre stazioni appaltanti qualificate (art. 37 co. 3 del Codice).

Inoltre, per i Comuni non capoluogo di provincia, il comma 4 dell’art. 37 del Codice ha reso in ogni caso obbligatorio il ricorso alle centrali uniche di committenza per appalti di lavori, servizi e forniture, con obbligo di concentrare la gestione delle procedure di acquisto:

  • nell’ambito delle Unioni di comuni di cui all’art. 32 del TUEL, ove esistenti, costituite come centrali di committenza, ovvero
  • tramite soggetti aggregatori o altre centrali di committenza qualificate, ovvero
  • utilizzando le Stazioni Uniche Appaltanti (SUA) ripartite per aree territoriali.

In alternativa all’obbligo di ricorso a centrali di committenza, gli stessi Comuni possono effettuare i propri acquisti attraverso gli strumenti elettronici di acquisto gestiti da altre centrali di committenza di riferimento, ivi comprese le convenzioni Consip ed il MePA.

© Riproduzione riservata

Centrale di committenza: articoli correlati

Acquisti aggregati Comuni: nuove indicazioni ANAC

Postato da Redazione il 4 Gennaio 2016 in Leggi e Prassi

Con il comunicato del 12.12.2015 l’ANAC ha formulato nuove indicazioni operative per i Comuni non capoluogo di provincia, in materia di acquisti aggregati e centrali di committenza. L’intervento riguarda alcuni profili (...)

Acquisti centralizzati e proroghe tecniche: chiarimenti ANAC

Postato da Redazione il 10 Novembre 2015 in Leggi e Prassi

Con la determina n. 11 del 23 settembre 2015, l’ANAC ha fornito importanti chiarimenti ai soggetti destinatari della nuova disciplina sugli acquisti centralizzati della Pubblica Amministrazione, di cui all’art. 33, comma 3-bis (...)